Mascherine Covid19: Truzzu estenda l’obbligo a tutti i servizi


Share

L’ordinanza del 5 aprile del sindaco Truzzu, che ha ristretto alle sole attività commerciali l’obbligo di indossare mascherine e guanti sia per i lavoratori che per i clienti, crea un discrimine con chi è impegnato in altri servizi, tra cui quelli di banche, assicurazioni e agenzia delle entrate: a sollevare il problema con una lettera inviata all’amministrazione comunale e al prefetto di Cagliari sono le categorie territoriali di settore, Fisac Cgil, First Cisl, UilCa, Fabi e Unisin. I sindacati rilevano che l’ordinanza precedente, quella del 3 aprile, prevedeva, correttamente, l’obbligo per tutte le attività economiche.

Riteniamo che la seconda versione dell’ordinanza non assolva all’obbiettivo della massima tutela della salute pubblica che le stesse disposizioni comunali si prefiggono”, hanno scritto i segretari Sandro Gallittu, Sergio Mura, Mauro Farigu, Giuseppe Di Benedetto e Biagio Sanna sottolineando anche che “non richiamare all’obbligo esplicito tutti servizi ai cittadini depotenzia l’ordinanza, oltre a creare una ingiusta differenziazione tra categorie merceologiche nel contrasto alla diffusione del Covid19 che, invece, accomuna tutti”.

Le categorie ricordano infatti che “il rischio di contagio è lo stesso in tutte le attività, al supermercato come allo sportello di una banca, per la cittadinanza e per i lavoratori interessati”. Da qui la richiesta affinché le prescrizioni vengano quanto prima estese a tutte le attività di servizi essenziali, rimediando a una discriminazione incomprensibile, a danno di tutti i lavoratori impegnati in prima linea, così come degli stessi clienti.


Articoli Correlati...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: