NEWSLETTER NUMERO 1/4 febbraio 2016

Share

4 febbraio 2016 Numero 1


Al via le assemblee per la consultazione degli iscritti sulla Carta dei Diritti

L’universalità dei diritti è il principio su cui si fonda la Carta elaborata dalla Cgil per aggiornare le norme sul lavoro ed estenderle a tutti i lavoratori. La Carta dei Diritti passerà al vaglio degli iscritti nelle assemblee che si svolgeranno fino a marzo e saranno il preludio della raccolta firme per una legge di iniziativa popolare con i contenuti della Carta. A sostegno dell’iniziativa, per diffondere le ragioni della proposta e il dettaglio dei 97 articoli di cui la Carta è composta, un pullman viaggerà per tutta Italia e arriverà in Sardegna il 24 e 25 febbraio. Le tappe del viaggio si possono seguire nel profilo twitter @Cartauniversale.

Notizie dalle Categorie

 

Industria alimentare, riparte la trattativa sul contratto collettivo
E’ ripartita il 2 febbraio la trattativa sul rinnovo del contratto collettivo dell’industria alimentare in seguito alle mobilitazioni dei lavoratori che nei giorni scorsi hanno portato a uno sciopero di quattro ore e al blocco degli straordinari. Un importante risultato che fa ben sperare i circa 500 lavoratori che operano nel territorio di Cagliari in aziende come Coca Cola, Podda, Heineken, Ferrero. Il confronto proseguirà a oltranza, con l’obiettivo di ottenere risposte soddisfacenti rispetto ai contenuti della piattaforma presentata. In discussione ci sono, in particolare, questioni legate a salario, diritti e tutele per tutti i lavoratori, e il principio dell’inclusività per chi presta, a vario titolo, attività lavorativa nello stesso sito produttivo.

 

Italcementi, cassa integrazione e investimenti, in estate la cessione ai tedeschi

Cassa integrazione fino a settembre 2017 per dieci dipendenti, cinque in meno rispetto a quelli annunciati, e un piano di investimenti di 3 milioni e mezzo per l’adeguamento degli impianti di Samatzai secondo le norme europee sull’impatto ambientale: è la parte che riguarda la Sardegna dell’accordo firmato con Italcementi dai sindacati di categoria che hanno portato avanti la trattativa a livello nazionale scongiurando la chiusura dei diversi stabilimenti in Italia. Rispetto alle prospettive, occorre attendere prima le determinazioni dell’Antitrust sulla cessione dell’azienda alla Heildelberg – non prima di questa estate –, e poi gli orientamenti dei nuovi proprietari tedeschi sullo stabilimento di Samatzai.

 

Stipendi in ritardo, metalmeccanici mobilitati alla Nuova X Gamma

Metalmeccanici mobilitati alla Nuova X Gamma, azienda che svolge attività prevalentemente in appalto per la Saras e si occupa di “controlli non distruttivi”, ovvero verifiche sulle condizioni strutturali degli impianti industriali. Il costante ritardo nel pagamento degli stipendi è la ragione della vertenza portata avanti ormai da mesi dalla Fiom di Cagliari. La categoria rivendica l’applicazione dei protocolli territoriali che impegnano già tutti i soggetti coinvolti e una maggiore attenzione al problema negli accordi in discussione, soprattutto in questo momento di particolare delicatezza, visto l’imminente avvio di importanti lavori di manutenzione e investimento negli stabilimenti Sarlux. Lo stato di agitazione proseguirà sino a quando non verrà garantito il regolare pagamento degli stipendi.

Nuove assunzioni con articolo 18, importante accordo Fiom a Sarroch

Cinquantaquattro posti di lavoro salvaguardati, con le stesse condizioni contrattuali, economiche e normative, articolo 18 compreso: è il risultato dell’accordo firmato dalla Fiom con la neonata società Serv. Ind., azienda che fornisce servizi industriali di progettazione meccanica e carpenteria metallica nell’area industriale di Sarroch. Un doppio successo per il sindacato di categoria, che ottiene il reinserimento dei 54 lavoratori licenziati dalla Sermarin e incassa l’applicazione del contratto preesistente, bypassando il Jobs Act.

picture

Premio agli studenti meritevoli, la Filctem scommette sull’istruzione

Un premio per chi si laurea entro il 2016 o chi verrà promosso alle superiori in questo anno scolastico, naturalmente con voti alti: è l’iniziativa rivolta ai figli degli iscritti Filctem, con l’obiettivo di promuovere l’importanza dell’istruzione come elemento centrale nella formazione personale così come nel mercato del lavoro. Le domande – che dovranno essere presentate entro il 30 ottobre per gli studenti delle superiori, entro il 30 novembre per i laureandi – passeranno al vaglio di una commissione composta dal presidente del direttivo provinciale Filctem e dai sindaci revisori. La borsa di studio sarà consegnata nel corso della riunione del Direttivo a dicembre 2016.

 

Nuova Karel, 140 posti di lavoro in bilico

Appalti aggiudicati al ribasso, con il costo del lavoro sempre più esiguo e l’applicazione di contratti meno onerosi rispetto quelli previsti dal settore di riferimento: è un copione già visto che, purtroppo, sta mettendo a rischio l’occupazione dei 140 dipendenti della Nuova Karel Soluzioni. Dopo aver perso la commessa affidata dalla Zurich da ben tredici anni, il call center del settore assicurativo in viale Monastir ha avviato le procedure di mobilità. Un’altra società ha vinto l’appalto e ora la Fisac Cgil chiede la continuità lavorativa per tutti i dipendenti: rivendicazione supportata da quanto stabilito nella legge delega in materia di appalti, recentemente approvata al Senato, che prevede, proprio in caso di cambio di assegnatario, che i lavoratori seguano le attività. A livello nazionale, il sindacato di categoria è impegnato nella vertenza per l’introduzione di una norma nel contratto collettivo del comparto, per impedire alle compagnie di affidare appalti ad aziende che non applicano il contratto Ania.

 

Appalti Università, firmato l’accordo che ripristina il venti per cento del servizio

Dopo due anni di mobilitazioni sindacali è stato finalmente raggiunto l’accordo negli appalti di pulizie dell’Università di Cagliari. La vertenza era legata alla riduzione delle ore di lavoro, prima del trentacinque per cento e poi del venti, causata dalla riduzione del servizio in appalto. I sindacati di categoria avevano avviato una trattativa con le cooperative e l’amministrazione universitaria che ha finalmente portato a un accordo. Il taglio imposto per due anni è stato revocato e i lavoratori potranno contare su una busta paga un po’ più cospicua.

Alla Serica accordo raggiunto per 46 assunzioni con regole preesistenti al Jobs Act

Nel cambio d’appalto per le pulizie industriali di Sarlux i sindacati hanno conquistato la firma di un accordo che vincola alle regole contro i licenziamenti illegittimi preesistenti al Jobs Act. E’ quanto accaduto nell’avvicendamento tra la società Sardinia Omnia Service e la Serica, che ha ricollocato 46 lavoratori licenziati. Nella trattativa, la Filcams ha ottenuto anche il reinserimento di due lavoratori che avevano perso l’occupazione in seguito alla soppressione del servizio di magazzino Versalis.


Metro e sicurezza, primo sciopero, adesioni del cento per cento

Dopo lo sciopero proclamato dalla Filt Cagliari, che ha coinvolto tutti i lavoratori Arst preoccupati per le falle sulla sicurezza palesate nell’incidente alla Metro del 19 gennaio, l’azienda ha accolto le richieste del sindacato, diradando le corse e aprendo un tavolo per affrontare alcune questioni sollevate già da tempo. In materia di sicurezza nel lavoro e in riferimento a possibili ripercussioni sulla tratta ferroviaria, la Filt di Cagliari aveva già proclamato negli anni scorsi tre azioni di sciopero e aperto una serie di vertenze sul servizio Metro con l’Arst, che non hanno finora trovato risposte adeguate.

 

Scuola pubblica e aggiornamento professionale, chiuso il primo ciclo di corsi organizzato dalla Flc

Per far fronte alle modifiche dei profili professionali della scuola pubblica apportate dalla legge 107/15, la Flc di Cagliari, insieme all’associazione formativa Proteo Fare Sapere riconosciuta dal Miur, hanno organizzato un primo ciclo di formazione. Tre i corsi già svolti: quelli per i nuovi immessi in ruolo, il corso di aggiornamanto per le Rsu e il corso di preparazione al concorso per dirigenti scolastici. A breve saranno resi noti i calendari del secondo ciclo formativo articolato nei corsi di preparazione al concorso per le nuove immissioni in ruolo del personale docente, per l’aggiornamento professionale del personale Ata e del personale docente, per la mobilità territoriale e professionale.

 

picture

Camere di Commercio, la riforma nazionale taglia Oristano e Nuoro, protesta sotto il Consiglio regionale

Non piace a sindacati e lavoratori la riforma delle Camere di Commercio del governo Renzi, che ridurebbe le strutture sarde a due poli, Cagliari e Sassari, con il taglio di Oristano e Nuoro, e spazzerebbe via il 25 per cento dei posti di lavoro. La protesta delle categorie unitarie ha riunito il 2 febbraio a Cagliari, sotto il Consiglio regionale, una delegazione dei dipendenti delle quattro Camere di Commercio, uniti per denunciare i tagli che inciderebbero anche su importanti servizi, ad esempio l’internazionalizzazione e il sistema di conciliazione e mediazione. A seguito della protesta, il presidente del Consiglio Ganau e l’assessore regionale Erriu hanno affermato che c’è l’impegno della Regione a difendendere i livelli occupazionali in sede di Conferenza Stato-Regioni ma le difficoltà sono legate al fatto che funzioni e personale sono di competenza dello Stato.

 

picture

Disoccupazione negata agli assegnisti, protesta Nidil contro Inps e Governo

Anche il Nidil di Cagliari partecipa alla protesta nazionale della Cgil contro l’esclusione degli assegnisti, dei dottoranti di ricerca e titolari di borse, dalla disoccupazione garantita a tutti i lavoratori con rapporto di collaborazione a progetto o continuativa. La mancata estensione della Dis-Coll agli assegnisti, che pure versano i loro contributi alla gestione separata Inps, è una grave ingiustizia contro la quale il sindacato è mobilitato da tempo. Fra le iniziative di lotta, la scelta di inviare comuqnue le domande di disoccupazione da parte del Nidil, in supporto alla categoria di riferimento (la Flc), con l’obiettivo di creare massa critica, fare pressione sull’Inps e stimolare una risposta del Governo nazionale.

 

Rai e patrimonio culturale sardo: programmazione ridotta, professionalità a rischio

Nell’assemblea dei lavoratori Rai del 22 gennaio, è emersa la denuncia contro l’inerzia della Regione sulle decisioni utili a favorire investimenti e accordi con l’azienda pubblica. Una situazione di stallo che ha portato alla pesante riduzione, da marzo 2015, degli spazi riservati alla diffusione del patrimonio culturale e linguistico della Sardegna. Il mancato rinnovo della convenzione con la Rai è inaccettabile per i sindacati unitari di categoria Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom e Snater, che hanno sollecitato la Giunta e la maggioranza che governa a recuperare il tempo perso con l’obiettivo di salvaguardare il patrimonio culturale e le professionalità impegnate nel settore. Nelle altre regioni a Statuto speciale, accordi e investimenti sono regolarmente garantiti.

 

Questa email è stata inviata a: {email} perchè sei stato registrato sul sito CGIL – Camera del Lavoro Metropolitana Cagliari.
Gestisci la tua sottoscrizione | Cancella la tua sottoscrizione
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: